BAIA DELL’ORTE – OTRANTO

BAIA DELL’ORTE – OTRANTO


Il tratto di costa a sud di Otranto è uno dei più spettacolari e incontaminati del Salento. Si inserisce in un paesaggio strappato con forza agli attacchi di speculazione e abusivismo edilizio, grazie a una fortunata serie di concause (proprietà ecclesiastiche, servitù militari, attivismo della pretura).

A circa 4 Km da Otranto, tra la lingua bianca di Punta Facì e l’alto promontorio di Capo d’Otranto (dominato dallo storico faro della “Palascia”) si apre la Baia dell’Orte, con una serie  di piccole cale sabbiose protette dalla pineta, all’interno delle quali affiorano scogli.

La Baia si raggiunge imboccando la strada di recente apertura che dal porto di Otranto procede verso sud e costeggiando, più avanti, le “Terre Russe” vecchie cave di bauxite abbandonate trasformatesi in sorprendenti laghetti verde-turchese, dalla rara vegetazione di origine balcanica (Periploca graeca).

In alta stagione la spiaggia è molto frequentata, ma basta spostarsi di qualche centinaio di metri  lungo il sentiero in direzione del faro per scoprire angoli strepitosi e straordinariamente solitari.